CONOSCERE SALERNO

Albori: il borgo nella sua cornice naturale

Albori

La Costiera Amalfitana. Talmente bella in ogni suo angolo che è sempre difficilissimo scegliere dove fermarsi. Una spiaggia senza pari, un sentiero mozzafiato o un borgo suggestivo. Proprio questi ultimi spesso cedono i riflettori alle spiagge che sono ogni anno prese d’assalto. Ma come tutti gli altri suoi fratelli, Albori è un piccolo borgo al quale vale la pena concedere un po’ di tempo.

Albori

Un borgo familiare

“Se qualcuno parla nella parte alta del paese, giù in basso si sentono anche i sospiri”. Lo disse lo scrittore Domenico Rea, stregato dal piccolo borgo di Albori. Un paese piccolo, nel quale tutti gli abitanti si sentono come parte di una grande famiglia. Distante circa 2km da Vietri Sul Mare, Albori sorge a 264 metri sul livello del mare, troneggiando su un’insenatura della Costiera.
Il suo nome deriva dal latino “arbor” (albero), e ciò ci fa supporre che la cornice naturale sia sempre stata la caratteristica del borgo. L’origine di Albori viene fatta risalire agli abitanti di Marcina, insediamento etrusco di Cava de Tirreni, che scamparono al saccheggio dei Vandali.

Albori

Arte e natura

Nel cuore di Albori merita sicuramente una visita la cinquecentesca Chiesa di Santa Margherita di Antiochia. All’interno le navate e gli affreschi sono un meraviglioso esempio artistico e architettonico del ‘600.
Albori si può raggiungere anche attraverso bellissime e suggestive passeggiate sul Monte Falerzio su cui sorge. La vista spettacolare della Costiera Amalfitana e i suoi profumi tipici fanno sicuramente preferire questa soluzione. Una vista meno spettacolare, ma sicuramente molto suggestiva, la offrono i vicoli pittoreschi del borgo, sormontati da volte molto antiche. Sul livello del mare, invece, troviamo Marina d’Albori, un breve tratto di Costiera con una spiaggia molto tranquilla e suggestiva. Albori dunque non è solo un piccolo angolo da non considerare. È carico di storia, di profumi, di bellezze, come tutta la Costiera Amalfitana, uno dei luoghi più belli del mondo.

Marco Fummo

Autore: Marco Fummo

Nato a Salerno nella primavera del 1991, dopo un’infanzia spensierata si appassiona irrimediabilmente al mondo della letteratura e della scrittura, del cinema, delle serie TV e dello sport. Diplomato al Liceo Classico De Sanctis, laureato in Editoria e Pubblicistica all’Università di Salerno e laureando in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni all’Università di Urbino, ha scritto per svariati giornali online occupandosi principalmente di cinema, serie TV e sport.
Ha nel Giffoni Film Festival una sua seconda casa, dove è stato giurato per circa 10 anni e nell’ultima edizione ha fatto parte dello staff.

Albori: il borgo nella sua cornice naturale ultima modifica: 2018-01-12T10:31:10+00:00 da Marco Fummo

Commenti

Commenti

To Top