CURIOSITÀ

Saverio Fava di Salerno: il primo ambasciatore in America

L’Italia in una ventata di libertà

Indubbiamente, l’Italia del XIX secolo dovrebbe essere uno scenario interessante e coinvolgente. In un clima di ideologie, di uomini forti delle loro convinzioni e guerre per la propria identità, si delineava l’Italia che conosciamo oggi.
Sconvolta dalla restaurazione del potere asburgico e della sua subdola egemonia, il nostro bel paese avvertiva la necessità di liberarsene. Feroci si susseguirono i moti e le guerre e vari furono i punti salienti del lungo viaggio verso l’Unità d’Italia.
Si possono citare, ad esempio, le Cinque Giornate di Milano o la Repubblica di Venezia instaurata da Daniele Manin. Sullo sfondo di un’Italia sempre più insofferente alle angherie austriache, nacque a Salerno Saverio Fava.

Manin

Manin

Saverio Fava: l’ambasciatore intransigente

Saverio Fava nacque a Salerno nel 1832, in una soleggiata giornata di luglio. Iniziò ad appassionarsi alle spinose questioni di diritto all’Università di Napoli. Riuscì, dopo questi studi, a vincere il concorso d’alunnato diplomatico.
Così, con una intransigenza invidiabile e una sapienza profonda, entrò a far parte degli uffici consolari del Regno delle Due Sicilie. La sua bravura serpeggiava nella corte, tanto che, forse, godeva della stima dello stesso Re del Regno.
Quando poi l’Italia riuscì a ritagliarsi il suo spazio nel marasma europeo, fu ammirato anche dallo stesso Governo del Re d’Italia. Ciò gli permise di viaggiare in qualità di consigliere, rivestendo anche i panni di ministro plenipotenziario a Bukarest e a Buenos Aires.

Umberto I

Umberto I

L’esperienza americana del salernitano Saverio Fava

La nazione appena formatasi aveva bisogno di uomini energici e volenterosi che la rappresentassero. Difatti, Saverio Fava, quello stesso salernitano che era partito dall’Università di Napoli, arrivò a Washington. Fu il primo ambasciatore italiano in America.
I suoi operati furono molti e onorevoli di ricordo. Dal 1881, fino al 1901 riuscì a ricamare rapporti tra questi due potenze. Determinante fu il suo ruolo negli “New Orleans Affair”, per la protezione di undici italiani. Fu nominato dal re Umberto I senatore del regno, soddisfatto della sua vita e del suo lavoro. Morì a Roma il 2 ottobre 1913.

Elena Morrone

Autore: Elena Morrone

Elena Morrone, nata nel 1995 a Salerno, ha frequentato il Liceo Classico di Salerno Torquato Tasso, dove ha diretto il giornalino scolastico Kaos. Dopo essersi diplomata si è iscritta all’Università di Salerno alla facoltà di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali. Ha collaborato con numerosi giornali online, occupandosi di vari settori, dal cinema alla politica.
Il suo hobby preferito, vedere film e serie tv, si è trasposto anche nella partecipazione per sei anni consecutivi al Giffoni Film Festival come giurata. Si interessa molto di cultura orientale, praticando anche yoga e leggendo libri a riguardo.

Saverio Fava di Salerno: il primo ambasciatore in America ultima modifica: 2018-01-10T11:06:37+00:00 da Elena Morrone

Commenti

Commenti

To Top