ARTE E CULTURA

La fiera della Croce, un appuntamento storico l’1 settembre a Stio

La fiera della Croce nasce sullo spiazzo della Cappella

La ‘fiera della Croce’ rappresenta una realtà storica per tutto il circondario soprattutto per la sua longevità. Evidenzia come in passato il Cilento abbia saputo proiettarsi nei grandi panorami economici. Insieme alla ‘fiera della Frecagnonala’ – che si tiene a Cannalonga – insiste da secoli. Dapprima si afferma sullo scenario commerciale. In tempi più recenti nel panorama della tradizione. Ha saputo valorizzare l’identità storica, trasformandola in risorsa socio-culturale.

Da ‘Santa Maria’ alla ‘fiera di Stio’

La fiera di Santa Maria della Croce potrebbe essere attiva già nella prima metà del 1200 (all’epoca sotto la giurisdizione di Gioi). Tuttavia, per coglierne l’importanza, bisogna affidarsi alle testimonianze conservate a partire dal XV secolo. Come spesso accadeva in passato, nasce affiancando una partecipata ricorrenza religiosa. Era la festa di ‘Santa Maria’. Qui detta ‘della Croce’ per la presenza di una reliquia della Croce di Cristo al suo interno. È accettabile l’ipotesi che, per buona parte dell’inizio di settembre, tanti pellegrini raggiungevano Stio per omaggiare la preziosa reliquia. Le date confermano e giustificano perfettamente la posizione temporale della fiera, seppur abbia subito un forte ridimensionamento e motivate trasformazioni nel corso del tempo. Dal titolo della Vergine, la fiera assume non solo la portata in termini di visitatori ma anche il nome. Da ‘fiera della Croce’ oggi risuona popolarmente semplicemente come la ‘fiera di Stio’.

Stio in occasione della storica fiera della Croce
Stio (foto Giuseppe Conte)

L’importanza della ‘fiera della Croce’

La ‘fiera della Croce’ rappresenta un unicum in Cilento. Non solo perché resiste da secoli ma anche perché il suo arrivo si sente nell’aria, evocando l’appartenenza identitaria a questa terra. È certo che lo spiazzo antistante la chiesetta, sia sempre stato il cuore pulsante della collocazione spaziale. Intorno a queste mura ha inizio una storia ormai centenaria. Se nel tempo la venerazione della reliquia si è via via indebolita, la fiera, da piccolo mercato si impone come appuntamento irrinunciabile per l’economia non solo locale. Ne è conferma nel commercio della seta. Inizialmente, infatti, era proprio quest’ultimo a caratterizzare la fiera. Commercianti provenienti da tutta Italia e forse dall’intero bacino del Mediterraneo, qui si davano appuntamento dall’1 all’8 settembre. La rapida espansione apporta notevoli miglioramenti. Si arricchisce di venditori di cuoio, di stoffe pregiate e artigianato con utensileria e pentolame in rame e, in memorie più recenti padroneggiano le produzioni locali.

la fiera della Croce inizia dalla fontanella
fontana a Stio (foto Giuseppe Conte)

La ‘fiera della Croce’: ieri ed oggi

E’ rilevante il commercio del bestiame. Non marginali sono i prodotti caseari che affiancano le produzioni agricole. La fiera riveste un ruolo cardine da un punto di vista economico. Si impone anche come fulcro sociale per la conoscenza del territorio. Di certo il ‘900 ultimo scorso ha dettato mutamenti assai significativi. Si riduce la durata. Rapidamente rimane confinata al solo primo giorno del mese di settembre. Il dimensionamento temporale però è compensato dalla rivalutazione storico-culturale. Oggi esercita ruolo attrattore soprattutto il settore gastronomico. Un potenziale che si esprime anche tramite la proposta di piatti tipici della cucina locale. Inoltre è ben evidente il legame con lo stesso Cilento. Appena fuori dall’abitato una fontanella ci ricorda che siamo arrivati in paese. È il punto in cui si sentono i primi vocii dei visitatori. Inizia il susseguirsi delle ‘bancarelle’. Nelle ore di mercato si respira aria di storia.

Giuseppe Conte

Autore: Giuseppe Conte

Sono io quando scrivo e a volte lo faccio in rima! Amo la mia famiglia, gli amici veri, i libri e la mia terra. Adoro riscoprire le piccole storie, e cerco di rendere vitali – almeno ‘nero su bianco’ – tradizioni esanime o talvolta completamente perdute. Mi piace cucinare e spesso delle mie ricette ne faccio un articolo. Se volete contattarmi: giuseppe2021@yahoo.it
La fiera della Croce, un appuntamento storico l’1 settembre a Stio ultima modifica: 2019-08-29T09:00:20+02:00 da Giuseppe Conte

Commenti

To Top