CONOSCERE SALERNO

La Torre dei Ladri dalla Salerno Longobarda

Pandabb Centrostorico Salerno01

 

La nascita delle torri tra le mura cittadine

Si può dire che il nostro Principe Arechi abbia praticamente costruito la città di Salerno. Originariamente era un esiguo castrum romano.

Arechi, duca di Benevento, trasferì la sede del suo potere a Salerno intorno al 774 e le diede la tipica forma difensiva a triangolo. Il sistema difensivo della città fu rinforzato, le mura allungate. È proprio del periodo longobardo la cosiddetta Torre dei Ladri. Originariamente inglobata all’interno del muro di cinta occidentale.

Si possono ancora notare i resti. Il maestoso castello che conosciamo oggi fu ampliato e reso unico, pertendo da una rocca preesistente. Unito dalle cinta di mura merlate ad una serie di torri disposte a difesa per tutta la cittá.

La Torre nasce nel Rione Madonna delle Grazie. Alle pendici del Monte Bonadies. Il rione era sede degli uffici più importanti del principato di Salerno in periodo longobardo e ospitò anche una sede della Scuola medica salernitana.

Torre Dei Ladri

Torre Dei Ladri

La Torre dei Ladri tra leggende e realtá

Il nome con cui è conosciuta questa torre ne suggerisce un legame con persone di malaffare. Si parla proprio di ladri, non si tratta di un gioco di parole.

Diverse le storie intorno a questo fortino. Pare che si appendessero ai merli i corpi dei malcapitati giustiziati, come monito per l’intera cittá.

I corpi stessi venivano poi ”regalati alla scienza”. Consegnati alla Scuola Medica Salernitana, per essere studiati.

11182043 805026602922258 7145334699803993456 N

Torre Dei Ladri dal basso

Ancora oggi, i salernitani sono convinti dell’esistenza di un passaggio segreto che la collegherebbe al Castello Arechi, risalendo i pendii del Monte Bonadies.

Pare che in questi percorsi sotterranei i ladroni più furbi, invece, vi nascondessero grandi tesori. Magari proprio fuggendo dalle segrete del castello di Arechi verso la libertà. 

Insomma, qual che siano i segreti che conserva la Torre dei Ladri, oggi è un’imponente proprietà privata. Interamente ristrutturata, conserva il suo alone di mistero e ancora si impone sull’intero centro storico.

Solo i muri potrebbero parlare di quel che è stato. E se realmente parlano nella notte, di re, ladroni, invasioni e giustizieri, solo gli odierni proprietari potrebbero raccontarcelo!

Erika V Mogavero

Autore: Erika V Mogavero

A 6 anni scrive il suo primo romanzo (nel cassetto). Cresce seguendo diverse passioni, tra cui la lettura, la scrittura, il teatro, soprattutto la natura e la psicologia, che la portano, nel 2011, a diventare operatrice di comunita’ e attivista in diverse associazioni animaliste del territorio. Nello stesso periodo, entra a far parte della redazione di ”Kaos”, ma siccome col volontariato non si mangia, si dedica sempre di più alla cucina, lavorando nei locali della movida salernitana. Vegetariana da 16 anni. Vegana da 7. Tutto questo confluisce finalmente nel 2015 in ”Veg And The City”, il suo progetto attuale.

La Torre dei Ladri dalla Salerno Longobarda ultima modifica: 2018-05-03T11:58:22+00:00 da Erika V Mogavero

Commenti

To Top