I SALERNITANI RACCONTANO SALERNO

itSalerno

Eventi

Mostra a Cava: l’emozione nel segno, nel colore, nella parola

Mostra A Cava De'tirreni

Cosa ci lascia un’emozione? Un segno, un colore o una parola? Bene, da oggi non avrete più l’imbarazzo della scelta perché potrete avere tutto in un sol colpo! Venite a scoprire la mostra visiva e sensoriale nella suggestiva città di Cava de’ Tirreni.

Mostra: segno, colore, parola

Mostra Nel Complesso Di San Giovanni
Ingresso della mostra

L’accademia delle Belle Arti, Lettere e Scienze di Michelangelo Angrisani presenta la mostra “L’emozione nel segno, nel colore, nella parola” allestita al complesso monumentale di San Giovanni a Cava de’ Tirreni. Un’esposizione, giunta ormai alla sua VIII edizione, che interessa varie forme di arte, tra cui la pittura, la scultura e la fotografia. La scelta del titolo ricade sulla caratteristica fondamentale dell’arte ossia la sua poliedricità. Essa non è fatta solo di quadri o sculture, ma anche di parole correlate tra loro fino alla realizzazione di un romanzo o di una poesia. La mostra è iniziata Sabato 27 Giugno 2020 e terminerà il 12 Luglio 2020. L’Accademia Arte e Cultura costituisce un importante punto di riferimento per gli artisti in erba, i quali possono trovare una leva di lancio per i loro dipinti privati e casalinghi.

Dare vita ai propri sogni

Mostra Viii Rassegna
Sogni appesi alle pareti

Il fondatore dell’Accademia Arte e Cultura è Michelangelo Angrisani. Un artista versatile che si esprime attraverso le più svariate forme, senza fossilizzarsi su un unico tipo di tecnica. Michelangelo ha un sogno che durante il percorso della sua vita ha portato avanti con caparbietà e sacrificio. Lo scopo di Michelangelo è spronare i molteplici artisti che non hanno fiducia nelle loro capacità e la possibilità di dargli una vetrina per mostrarsi. Tra loro si nascondono anche tanti artisti già affermati e che da tempo hanno preso coscienza delle loro capacità e delle loro potenzialità. La mostra ha al proprio interno un miscuglio di artisti. Tanti talentuosi che si sono approcciati al mondo creativo. Il potersi rapportare con il pubblico dà vita a un circolo vizioso di crescita per il territorio sul quale si manifesta.

La mostra e Michelangelo Angrisani

Michelangelo Angrisani
Al centro il Presidente dell’Accademia “Arte e Cultura”

Il presidente dell’Accademia “Arte e Cultura” nasce il 20 Aprile del 1947 a Castel San Giorgio. Attualmente vive a Cava de’ Tirreni, città in cui ha deciso di poter allestire la sua VIII rassegna internazionale di pittura, scultura, fotografia e poesia. Michelangelo è autodidatta, all’inizio della sua carriera espose le sue opere in molte zone dell’Europa come Romania, Spagna, Israele, Francia ed Inghilterra, riscuotendo numerosi consensi. Tra i tanti trofei ricevuti durante la sua carriera, ricordiamo la medaglia d’Argento del Presidente della Repubblica, la Medaglia di Bronzo del Presidente del Senato e la Medaglia e Targa d’Argento del Presidente della Camera dei Deputati. L’artista Michelangelo si è prefisso come scopo quello di diffondere il messaggio morale e religioso attraverso uno spirito di ricerca e di sperimentazione.

Lavori Su Legno Di Michelangelo Angrisani
Lavori su legno di Michelangelo Angrisani

Per lui qualsiasi forma d’arte deve essere capace di emozionare e allo stesso tempo comunicare. La sua impronta all’interno di una tela o su di un supporto ligneo esprimono le sue continue inquietudini legate alla sfera religiosa. La sua estrosità è data dalla tensione a dipingere su vari supporti lignei senza stravolgere le tonalità cromatiche tipiche del legno. Michelangelo spiega che per lui l’arte è un ponte tra uomo e materia, quindi tra uomo e natura e quindi tra uomo e Dio. Per questo motivo ha deciso di dipingere sul legno figure legate al mondo del divino. Tra gli innumerevoli lavori ricordiamo la Sacra Famiglia, la Sacra Sindone, la Crocifissione e Sotto gli Abiti. Ma i suoi esperimenti non terminano di certo qui! Per un certo periodo ha intrapreso anche la pittura col gessetto, la pittura su carta feltra e su metallo.

Nuovi orizzonti

Ricordi
Ricordi

Delle opere olio su tela merita di essere citato Ricordi. Un lavoro dai colori forti e netti con tratti ben delineati per tutto ciò che è stato posto in primo piano, come il ponte e le acque del fiume che sembrano eternamente scorrere. Mentre tutto il resto presenta dei tratti confusi non ben delineati. Questa modalità scelta dall’artista serve ad evocare un ricordo che si forma nella propria mente. Ancora oggi svela che si chiude nel suo studio, passando ore a sperimentare e ricercare una nuova fonte di ispirazione.

Domenica Tuosto

Mimma Artuos
Domenica Tuosto

Tra le pittrici che da anni seguono l’eclettico artista figura Domenica Tuosto, in arte Mimma Artuos. Ella è originaria di Salerno, nello specifico della zona denominata Teatro Verdi. Si è affacciata presto alla creazione di dipinti che nello scorrere del tempo sono diventati dei veri e propri capolavori. Dai suoi quadri traspare la visione che ella ha della vita. Mimma ogni giorno si lascia ispirare da tutto ciò che la circonda, riuscendo a imprimere sulla tela tematiche attuali come la caducità della vita in Gioventù allo specchio e L’uomo nuovo. Mimma si rivela essere un’artista molto vicina alle tematiche femminili con il dipinto Donna spogliata. Una denuncia forte contro la violenza sulle donne. Inoltre, utilizza le sue capacità innate come mezzo per custodire i suoi ricordi.

Natura O Civiltà
Natura o civiltà?

Come la rappresentazione delle sue due amate figlie, Anna e Federica. La caratteristica spiccata di Mimma è amare e condividere con i suoi cari opere legate al mondo familiare. Come il dipinto dei pastori tedeschi donato al cognato, la donna albero al fratello e la corsa di cavalli ribelli al cognato fantino. Ma il dipinto che più la rappresenta è Civiltà animale dove focalizza l’attenzione sullo sguardo del leopardo mentre osserva la civiltà. La domanda che vuole suscitare in chiunque contempli l’opera è: “Meglio la natura o la civiltà?”
Nel 2012 il suo debutto pubblico con l’esposizione collettiva di “Come una musica per gli occhi” al Convento di Sant’Antonio, sito a Nocera Inferiore. Dal 2014 collabora con l’Accademia Arte e Cultura di Michelangelo Angrisani, riscuotendo consensi e premi.

Mostra a Cava: l’emozione nel segno, nel colore, nella parola ultima modifica: 2020-07-07T09:00:00+02:00 da Anna Salsano
To Top