ARTE E CULTURA

Palinuro, il Miracolo del porto nella storia del XX secolo

Palinuro + molto devota a SantAntonio

Palinuro! E subito si pensa alla ridente località balneare cilentana. Palinuro! E alla mente l’immagine di un mare affascinante e cristallino. Quando il secolo scorso sta per compiere il suo giro di boa, i marinai rinnovano il loro affidamento a Sant’Antonio. Era il 25 settembre il 1949. era una giornata come tante che segnava il lento e travagliato scorrere della vita su questo tratto di costa campana…

Dal porto una luce…

All’alba del 25 settembre 1949, i pescatori con le loro piccole barche lasciavano Capo Palinuro. Il tempo era clemente. Col trascorrere delle ore, però, una nuvola iniziò ad oscurare il cielo, costringendo i marinai a rientrare. Una delle barche, a causa del mare in tempesta, non fece ritorno. Dalla spiaggia le famiglie attendevano il rientro dei loro cari e l’ansia accresceva con l’avvicinarsi della sera. Le minacciose condizioni del mare, rendevano difficoltoso il soccorso dei compaesani. I diversi tentavi risultavano vani. La disperazione prendeva piano piano il sopravvento. Ci si affidava alla benevolenza del cielo. Un pescatore decise di chiedere aiuto a Sant’Antonio che ha una cappella proprio vicino al porto. La statua fu portata sulla spiaggia puntando verso il mare. Di li a poco, una luce – miracoloso bagliore -, consentì ai pescatori rimasti preda del mare di far rientro nella propria terra. L’evento fu attribuito a Sant’Antonio.

Palinuro la chiesa al porto

Il porto e Palinuro

Le origini della chiesetta risalgono, con molta probabilità, alla seconda metà del XVI secolo. Sant’Antonio qui, senza dubbio, poteva figurare come il protettore dei pescatori ma anche dei naviganti che in questo luogo trovavano riparato durante le tempeste. Fino agli anni ’50 del secolo scorso, la bella località cilentana basava la propria economia sulla pesca. È solo nei lustri seguenti che si afferma come ambita meta turistica per la sua straordinaria costa e per l’affascinante mito che l’avvolge. Queste poche righe possono sintetizzare il nesso indissolubile esistito e tuttora vivo tra il mare, la pesca e la fede. In ricordo del ‘miracolo del porto’, il 25 settembre Sant’Antonio è posto su una delle imbarcazione che lascia il porto e compie una suggestiva processione in mare, mentre a riva, numerosi fedeli attendono il rientro per partecipare al corteo che prosegue lungo le vie del paese.

Palinuro, la chiesetta di Sant'Antonio

Palinuro: il fascino e il mito

Palinuro è uno dei luoghi più affascinanti non solo della costa campana, bensì dell’intera penisola italiana. È oggi una ambita meta turistica. La morte di Palinuro è narrata nell’Eneide di Virgilio. Si racconta di come il nocchiero di Enea, mentre guidava la flotta verso le coste italiane, cadde in mare vinto dal Dio Sonno. Secondo la leggenda, il dio Sonno lo fece addormentare cullandolo con dolci melodie e parole. A quel punto lo buttò in acqua. Accortosi della sua sparizione, Enea inizia a cercarlo ma ben presto capirà che è morto. Palinuro però, in realtà non morì in mare. Inizia a nuotare e raggiunge la riva ma qui venne ucciso dai velini. Si incontreranno nuovamente negli inferi, quando il fantasma di Palinuro chiede ad Enea di trovare il suo copro e dargli una sepoltura. Oltre la cornice dell’Eneide, invece, il mito di Palinuro si intreccia con quello della vicina Kamaraton.

Giuseppe Conte

Autore: Giuseppe Conte

Sono io quando scrivo e a volte lo faccio in rima! Amo la mia famiglia, gli amici veri, i libri e la mia terra. Adoro riscoprire le piccole storie, e cerco di rendere vitali – almeno ‘nero su bianco’ – tradizioni esanime o talvolta completamente perdute. Mi piace cucinare e spesso delle mie ricette ne faccio un articolo. Se volete contattarmi: giuseppe2021@yahoo.it
Palinuro, il Miracolo del porto nella storia del XX secolo ultima modifica: 2019-09-23T09:00:20+02:00 da Giuseppe Conte

Commenti

To Top