CURIOSITÀ

Un mare di plastica: il fumetto che insegna

Schermata 2018 05 19 Alle 10.53.24

Mettete un bravo fumettista, mettete degli accattivanti personaggi e mettete un fine nobile. Otterrete Un mare di plastica. Il fumetto, di Paco Desiato, non è uno di quei soliti modi scialbi e inefficaci per insegnare qualcosa ai bambini. Au contraire, Un Mare di plastica ha tutte le potenzialità per essere un fumetto illuminante e divertente.

E’ stato presentato al Comicon di Napoli, l’evento che raccoglie i più grandi fumettisti, animatori, creativi, e amanti di quest’ambito, il secondo numero di Mare di Plastica. Come il primo, presenta i personaggi della principessa Primula, del suo fidato martin pescatore Martin e la tartaruga Ruga. Una new entry però colorerà le storie, il gabbiano Jonathan, che non sarà da meno rispetto ai suoi “colleghi”.

Una storia per bambini, certo, ma ciò non esclude la sua verità ed efficacia. Lo scopo, infatti, è di sensibilizzare i piccoli pargoli al riciclo, alla possibilità di vivere in un mondo pulito e puro.

Parco Cilento

La collaborazione con il parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

Il fumetto Un Mare di Plastica ispira la forza e la volontà di salvare il nostro ecosistema dai rifiuti e lo fa scegliendo una collaborazione d’eccezione. Il Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, infatti, hanno permesso la pubblicazione del fumetto e sono così diventati l’ambientazione di Un mare di plastica.

Quale posto migliore, infatti, della natura racchiusa in queste zone? L’incontaminazione di questi luoghi racchiudono l’obiettivo ultimo di Un Mare di Plastica. Perchè oltre a divertire i bambini, infatti, con la narrazione delle avventure di Primula e dei suoi amici, fa molto altro. Alla fine del fumetto, infatti, c’è un tutorial per spiegare come si può riciclare l’olio usato, e una scheda didattica per il suo utilizzo nelle scuole.

Il riciclo, la cura, l’amore stesso per la nostra terra è nelle pagine di Un mare di plastica, di Paco Desiato.

Mammacqua00

Paco Desiato, da Mammacqua alla Principessa Primula

Da sempre dedito all’arte, Paco Desiato ha saputo fare della sua bravura il giusto canale di informazione e di insegnamento. Appartenente alla cultura underground europea, tra graffiti e disegni, fumetti e illustrazioni, si è sempre dimostrato un attivista a modo suo.

Già nel 2001, infatti, ha vinto il concorso Imago grazie ad una sua illustrazione sull’ecologia. Ma il suo trampolino di lancio è Mammacqua, una graphic novel che è intinta dell’amore per ciò che ci circonda ma, specialmente, racconta come stiamo “vendendo nostra madre”. L’acqua, infatti, non è un bene in vendita e mai deve esserlo. Ora, invece, è toccato alla Principessa Primula, personaggio simpatico e pieno d’energia che saprà ben insegnare ai bambini cosa significa amare.

Elena Morrone

Autore: Elena Morrone

Elena Morrone, nata nel 1995 a Salerno, ha frequentato il Liceo Classico di Salerno Torquato Tasso, dove ha diretto il giornalino scolastico Kaos. Dopo essersi diplomata si è iscritta all’Università di Salerno alla facoltà di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali. Ha collaborato con numerosi giornali online, occupandosi di vari settori, dal cinema alla politica.
Il suo hobby preferito, vedere film e serie tv, si è trasposto anche nella partecipazione per sei anni consecutivi al Giffoni Film Festival come giurata. Si interessa molto di cultura orientale, praticando anche yoga e leggendo libri a riguardo.

Un mare di plastica: il fumetto che insegna ultima modifica: 2018-05-24T10:50:52+00:00 da Elena Morrone

Commenti

To Top