CONOSCERE SALERNO

Sentirsi tutt’uno: Frassineto

 

Frassini e Pioppi

L’area naturalistica di Frassineto si estende su una superficie di 81 ettari. Un bosco aalto fusto che ricopre i territori confinanti di Calvanico e Fisciano.
L’area dista circa 15 Km da Salerno, presenta un’altitudine media di 700 mt ed è compresa tra una zona boschiva detta “Acqua dei faggi”. E quella detta “Costa della traversa”, sulla pendice occidentale dei Monti Picentini. Fa infatti parte dell’area protetta del Parco Regionale dei Monti Picentini.
Il nome, ovviamente, ci suggerisce la specie di alberi predominante nella zona: i frassini, per l’appunto.

Oasi di Frassineto

Oasi di Frassineto

 

La porta è sempre aperta

Come si suol dire, ”la porta è sempre aperta”. L’ingresso è libero e l’area si presta ad ospitare qualsiasi tipo di pubblico. Nonostante ciò, il lavoro costante dei volontari mantiene un ordine e una pulizia costanti.
Spero che il motivo sia anche che chi si accosta a questi luoghi lo fa per Amore della Natura, per sentirsi tutt’uno con gli alberi. Per essere immersi nell’odore di erba e sottobosco e fiori e aria fresca.
All’ingresso, ci accoglie una deliziosa casetta in pietra, di quelle che tutti hanno desiderato almeno una volta nella vita per una fuga romantica o un weekend di relax. All’esterno, una panchina in pietra e aiuole colorate, per riposarsi dalla fatica della prima salita.
La casetta, in realtà, ospita il Museo della civiltà silvo-pastorale, allestito nel 1997. Il mini museo presenta una raccolta di attrezzi e utensili impiegati nelle attività artigianali e pastorali, peculiari del territorio e oggetti impiegati per la raccolta di frutti. In zona, ancora qualcuno si dedica alla fabbricazione artigianale di tali utensili.

sentieri

sentieri

Trekking, didattica e passeggiate romantiche

Periodicamente, sempre all’insegna del rispetto per l’ambiente, nell’Area si attuano iniziative di vario genere. Queste che coinvolgono cittadini e scolaresche come escursioni, visite guidate. Manifestazioni a sfondo ecologico, didattiche, folcloristiche e sportive.
Diverse sono le attività che è possibile svolgere all’interno dell’Area: trekking, fotografia, studi naturalistici, footing, birdwaching. Dalla prima sosta, si snodano 3 sentieri possibili.
Una scalinata in legno che sembra nascere dal terreno porta i visitatori più arditi, o più allenati, al panorama che si staglia tra i rami. Ai piedi, l’intera Valle dell’Irno con la vista che arriva fino al Vesuvio.
Il lavoro che si svolge nell’Oasi Naturalistica di Frassineto a braccetto con le scuole è di fondamentale importanza per un’educazione ambientale che possa formare le generazioni di domani.
Non per crescere i futuri scienziati o esperti di botanica. Ma uomini consapevoli e rispettosi della terra che siamo stati chiamati a calpestare e proteggere. Perché i nostri figli sappiano che è importante Proteggere, più che calpestare. Dalla più piccola foglia al proprio vicino.
E’ questo il programma che conduce Legambiente “Valle dell’Irno” da più di 25 anni.

Erika V Mogavero

Autore: Erika V Mogavero

A 6 anni scrive il suo primo romanzo (nel cassetto). Cresce seguendo diverse passioni, tra cui la lettura, la scrittura, il teatro, soprattutto la natura e la psicologia, che la portano, nel 2011, a diventare operatrice di comunita’ e attivista in diverse associazioni animaliste del territorio. Nello stesso periodo, entra a far parte della redazione di ”Kaos”, ma siccome col volontariato non si mangia, si dedica sempre di più alla cucina, lavorando nei locali della movida salernitana. Vegetariana da 16 anni. Vegana da 7. Tutto questo confluisce finalmente nel 2015 in ”Veg And The City”, il suo progetto attuale.

Sentirsi tutt’uno: Frassineto ultima modifica: 2017-10-07T07:46:01+00:00 da Erika V Mogavero

Commenti

To Top