I SALERNITANI RACCONTANO SALERNO

itSalerno

Parco Nazionale del Cilento

Marina di Camerota e la sua meravigliosa costa

Marina Di Camerota

Marina di Camerota rappresenta una tappa obbligata per chi viaggia verso il profondo Sud Italia. Il Cilento ancora una volta sorprende con le sue meravigliose coste e le sue acque limpide!

Marina di Camerota: un amore non corrisposto

Torre Zancale
Camerota: fredda come la roccia

Il nome Marina di Camerota deve le sue origini alla rielaborazione nel 1500 del napoletano Berardino Rota. Nella prefazione dell’opera poetica Sylvarum seu Metamorphoseon liber redatta in latino, egli narra dell’amore non corrisposto tra Kamaraton e Palinuro. Kamaraton è la ninfa del mare di una bellezza unica con un caratterino scontroso. Palinuro, invece, è il mitico nocchiero di Enea. Palinuro si innamora della ninfa tanto da chiederla in sposa. Kamaraton rifiuta e lo respinge in malo modo con freddezza. Palinuro allora invoca il dio Sonno, implorando la morte per placare le sue sofferenze. Venere la dea dell’amore, indignata dal comportamento di Kamaraton, la trasforma in roccia. Oggi quella roccia è il promontorio dove sorge la città di Camerota.

Marina di Camerota: il Palazzo Marchesale

Palazzo Marchesale
Palazzo Marchesale

Nella parte alta di Camerota si erge il Palazzo Marchesale. Più che di un palazzo si tratta di un castello medievale, costruito durante il periodo normanno tra il XI e il XII secolo. Inizialmente i Baroni abitavano il Palazzo Marchesale, successivamente a partire dal XVI secolo i Marchesi. Nel XVIII secolo venne utilizzato come residenza estiva dai marchesi di Camerota: prima dalla famiglia Marchese e poi dalla famiglia Orsini. Ancora oggi dall’esterno è possibile vedere le mura di cinta con intorno il fossato e le torri, mentre all’interno nasconde i resti di una cappella.

Le bianche spiagge

Le Spiagge A Marina Di Camerota
Le spiagge a Marina di Camerota

Il litorale di Marina di Camerota richiama ogni anno una innumerevole quantità di turisti, attratti dalle spiagge bianche e acque limpide. Durante il periodo estivo tutte le spiagge di Marina di Camerota vengono prese d’assalto. Ogni spiaggia ha la sua caratteristica che lo distingue dalle altre con fondali più o meno profondi e con tratti di sabbia dorata mista a piccole pietre sgretolate dalle possenti rocce. Tra le spiagge più gettonate ricordiamo: Baia degli Infreschi, Cala Bianca, Cala del Cefalo, Cala d’Arconte, La Calanca, Spiaggia del Mingardo, Spiaggia del Troncone, Spiaggia del Porto, Lentiscelle, Pozzallo e Capo Grosso.

Le grotte dell’età della pietra

Grotte Paleontologiche
Grotte paleontologiche

Le grotte, disseminate sulla costa di Marina di Camerota, hanno custodito per anni importanti reperti storici, risalenti principalmente all’età della pietra. A partire dagli anni ’50 del ‘900 i paleontologi hanno ricavato materiale prezioso per i loro studi. Come lo fu nel nel 1960, quando dalla cosiddetta Grotta Sepolcrale vennero alla luce alcuni resti di crani umani. Gli studiosi subito ritennero di aver scoperto una nuova forma evolutiva da inserire nella “catena dell’uomo“. Ma queste tesi subito caddero, dal momento che si notò come questi crani presentavano tratti di uomini risalenti al paleolitico medio con mento sporgente e notevoli capacità cranica in netta contrapposizione con l’uomo di Neanderthal.

Marina di Camerota e la sua meravigliosa costa ultima modifica: 2020-07-21T09:00:00+02:00 da Anna Salsano
To Top