Noi Salernitani

Il Crocifisso Ritrovato: dal medioevo ad oggi la storia si fonde con l’innovazione

Img 20180426 115408

Salerno ritorna a respirare l’atmosfera del passato. L’aria, le strade e l’animo si riempiono nuovamente di questa tradizione. Ha in realtà origini antichissime che ci riportano inevitabilmente a ricordare alcuni importanti passaggi storici della nostra città.

Un vanto senza dubbio poiché la fiera del crocifisso ritrovato è considerato uno degli eventi di rievocazione storica più importanti d’Italia. Motivo poi per il quale attira non solo curiosi, ma anche studiosi e appassionati del medioevo che ricercano in questa fiera le radici della nostra società.
Dal 28 aprile al 1 maggio nel centro storico di Salerno torna a battere un cuore antico.

Fiera del Crocifisso Ritrovato

Fiera del Crocifisso Ritrovato

Il miracolo nell’XI secolo? La condivisione e l’aggregazione, l’apertura verso nuovi orizzonti

Quello che ci ricorda è che mettendo i piedi su quel territorio, in questa zona antica della città in realtà si può rivivere nel presente una dinamica del passato legata ai nostri antenati. Non solo per i salernitani direi.

Salerno è sempre stata fulcro di diverse culture e punto nevralgico per i commercianti. Difatti la fiera del crocifisso ritrovato è stata sin dall’XI secolo motivo di scambi commerciali per tutto il Sud Italia. Mercanti quindi non solo di Salerno si recavano nella nostra città per proporre la loro cultura, il loro artigianato, i cibi e le usanze creando costantemente uno scambio culturale.

Questo avviene tutt’oggi seppure non in chiave “aggiornata” e moderna, bensì fungendo per tutto il sud Italia da ritrovo per quell’elemento antico che ci ha sempre contraddistinto: la condivisione e l’apertura a nuove realtà.

Fiera del Crocifisso Ritrovato

Fiera del Crocifisso Ritrovato

Mille anni dopo siamo ancora qua!

In virtù di ciò, la fiera è stata istituita grazie al miracolo che ha succeduto la leggendaria storia di Pietro Barliario, considerato alchimista e stregone, perno attorno al quale ruotano non poche leggende ambiente nel centro storico. Quando il crocifisso fu ritrovato e riaprì gli occhi al suo popolo, la gioia di tale da trarre spunto a festeggiamenti e motivo per far muovere i cittadini per una condivisione di gioie e piaceri.

https://salerno.italiani.it/1575-2/

Quindi spettacoli e stand saranno allestiti lungo le strade. Si coglie l’occasione per visitare i luoghi, le chiese e i musei arricchiti con preziosissime informazioni sul nostro vissuto.
Gli stand di artigianato non sono solo salernitani ma coprono gran parte della provincia, come da tradizione sin dall’anno 1000!
Il tocco in più di quest’evento più di mille anni dopo sta proprio nell’aggiornamento e nel riproporre antichi usi con l’avanzamento dell’oggi. Che poi che dire, mondo è stato e mondo è, certe necessità non cambiano mai!

Artisti di strada accompagneranno quindi le giornate di rievocazione storica, e da amante del genere vi consiglio assolutamente di non perdervi la performance dei Rota Temporis, ormai sempre presenti alla fiera del crocifisso ritrovato!
Tanti altri spettacoli di animazione, dimostrazione della manualità di un tempo che fu, fabbri, arcieri, lavoratori del cuoio, esperti di erbe e rimedi antichi, ceramiche, e per chi ama decorarsi la pelle persino tatuaggi!

Francesca D'Elia

Autore: Francesca D’Elia

Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture. Sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori.
Segno zodiacale: Bilancia

Il Crocifisso Ritrovato: dal medioevo ad oggi la storia si fonde con l’innovazione ultima modifica: 2018-04-26T12:16:22+00:00 da Francesca D'Elia

Commenti

To Top