CONOSCERE SALERNO

La Rotonda di Fratte: Santa Maria dei Greci

La Rotonda di Fratte, la chiesetta che a stento si nota attraversando la via di percorrenza che da Salerno porta verso Baronissi. Una chiesa a completare il “villaggio” svizzero.

La Rotonda di Fratte

Sita nell’omonima via dei Greci, era stata costruita in prossimità delle cotoniere Schlaepfer Wenner.

All’arrivo degli imprenditori svizzeri, i salernitani poco ne tolleravano le usanze e il credo protestante.

Gli ospiti ”comprarono” i favori dei cittadini finanziando la costruzione della cappella di Santa Maria dei Greci.

L’architetto milanese Fumagalli si occupò del progetto tra il 1853 ed il 1855.

In realtà, la cappella è solo la parte superiore. Quella accessibile con un paio di rampe di scale che salgono lateralmente.

Il piano inferiore, a livello stradale, era un laboratorio collegato alle attività delle industrie.

Chiesa Di Santa Maria Dei Greci

Neoclassico in via dei Greci

Più che una Chiesa, sembra un piccolo tempio. La struttura cilindrica sovrastata da una cupola le da il nome con cui è conosciuta: la Rotonda di Fratte, appunto.

L’ingresso, un portale in legno, è protetto da quattro colonne che danno sulla strada.

Durante il periodo in cui gli Svizzeri si stanziarono a Salerno, si impegnarono sempre a promuovere l’economia locale. I materiali di fattura della struttura provenivano dalle aziende della zona, come la ghisa delle colonne prodotta nelle vicine fonderie Pisano.

Nel 1856 fu benedetta dall’Arcivescovo di Salerno e aperta al pubblico, ma è poi andata in declino insieme a tutta l’attività sull’Irno.

Durante la seconda guerra mondiale fu danneggiata e il terremoto dell’80 la rese definitivamente inagibile.

Restaurata, oggi è destinata ad incontri di culto tra cui la novena dell’Assunta, a cui la cappella è dedicata, che si svolge a partire dal 6 Agosto.

Erika V Mogavero

Autore: Erika V Mogavero

A 6 anni scrive il suo primo romanzo (nel cassetto). Cresce seguendo diverse passioni, tra cui la lettura, la scrittura, il teatro, soprattutto la natura e la psicologia, che la portano, nel 2011, a diventare operatrice di comunita’ e attivista in diverse associazioni animaliste del territorio. Nello stesso periodo, entra a far parte della redazione di ”Kaos”, ma siccome col volontariato non si mangia, si dedica sempre di più alla cucina, lavorando nei locali della movida salernitana. Vegetariana da 16 anni. Vegana da 7. Tutto questo confluisce finalmente nel 2015 in ”Veg And The City”, il suo progetto attuale.

La Rotonda di Fratte: Santa Maria dei Greci ultima modifica: 2018-04-20T14:38:24+00:00 da Erika V Mogavero

Commenti

To Top