ARTE & CULTURA

Nocera: la meta tanto ambita da Annibale

Battaglia Romana

Una battaglia epica, un condottiero indomabile, un nemico invincibile. Sembra il preludio di un ennesimo film americano, tanto invidioso della nostra storia. In realtà, tuttavia, è qualcosa che ci interessa da molto più vicino di quanto possiamo pensare. Se vi dicessimo, infatti, che il glorioso Annibale ha combattuto ed è passato proprio in queste zone? E se vi dicessimo che la Seconda guerra punica ha interessato l’area di Nocera? Era, infatti, il III secolo a. C. e i Cartaginesi, dopo essersi leccati le ferite della Prima guerra punica, avevano deciso di contrattaccare i Romani. Così, infuriati e combattivi i cartaginesi riuscirono a sconfiggere l’esercito romano per quattro volte. Tra queste battaglie, quella di Canne rappresenta la disfatta più vergognosa per i romani.

Annibale

Annibale

La giusta alternativa

Dopo queste vittorie, Annibale intuì di doversi creare degli alleati anche politici, oltre che bellici. Fu così, infatti, che decise di dirigersi in Campania, dove, dopo alcune trattative, riuscì a includere la città di Capua tra i suoi alleati. E quale scelta migliore della seconda città più importante della penisola? Ancora insaziabile, Annibale si diresse verso Napoli, per assicurarsi uno sbocco sul mare ma non riuscì nel suo intento. Per questo motivo, le sue mire espansionistiche lo portarono a guardare l’attraente città di Nuceria Alfaterna, ovvero l’attuale città di Nocera. La città campana era a capo della Lega Nucerina che rappresentava un ottimo sbocco sul mare ma era legata a Roma grazie ad un trattato. L’unica via percorribile era la sua conquista.

F97116b76764758397f5527296f9be0c8f1ad82

Annibale gioca d’astuzia

L’assedio ebbe inizio. Non è difficile immaginare il grande condottiero passare sotto il Passo dell’Orco, luogo di leggende e trasudante di storia. Annibale, infatti, sfoderò tutte le sue capacità e talenti per impossessarsi di una così succulenta preda. Costrinse, infatti, i cittadini a rimanere in città, prendendola così per fame. Persino lo storico autore Livio racconta la sorte della città di Nocera, meta troppo ambita per essere lasciata alla sorte.

Elena Morrone

Autore: Elena Morrone

Elena Morrone, nata nel 1995 a Salerno, ha frequentato il Liceo Classico di Salerno Torquato Tasso, dove ha diretto il giornalino scolastico Kaos. Dopo essersi diplomata si è iscritta all’Università di Salerno alla facoltà di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali. Ha collaborato con numerosi giornali online, occupandosi di vari settori, dal cinema alla politica.
Il suo hobby preferito, vedere film e serie tv, si è trasposto anche nella partecipazione per sei anni consecutivi al Giffoni Film Festival come giurata. Si interessa molto di cultura orientale, praticando anche yoga e leggendo libri a riguardo.

Nocera: la meta tanto ambita da Annibale ultima modifica: 2018-05-29T11:33:05+00:00 da Elena Morrone

Commenti

To Top