Noi Salernitani

Cani e gatti: i nostri migliori amici!

Cane - Albero

Si sa, il clima natalizio richiede un certo livello di capacità per fare i regali. Qui a Salerno non ci scherziamo, se si passeggia sul Corso le idee sono tantissime, specialmente con le Luci d’Artista a ispirare. Anche se, ovviamente, i ritardatari ci sono, tutti sono consapevoli che prima o poi avranno un regalo. Quello che forse può riempire anche la casa più piccola del più grande amore è uno solo. Un amico peloso: un cane o un gatto.

Cane - Natale

Cane – Natale

Un Natale peloso

Chi vive già con una palla di pelo sa a cosa mi riferisco. Il Natale è molto più gioioso da quando c’è un cane o un gatto in famiglia. Personalmente, le passeggiate a dicembre con il mio cane hanno una spinta in più. Le persone sono più disposte a parlare, a far socializzare i nostri amici animali e a divertirsi. Nonostante il freddo pungente, passeggiare con il mio cane è una delle cose a cui non potrei mai rinunciare, specialmente in questa splendida e unica città. Su e giù per il lungomare. Giù e su. Più e più volte, infatti, si fa la strada avanti e indietro, con una splendida vista. E il mare a dicembre non ha forse una magia affascinante? Ci sono miliardi di posti fortunatamente, dove poter andare con il proprio cane. Per non parlare poi della casa. E’ vero, un cane forse vi ruberà qualche pallina dall’albero, un gatto deciderà di farla cadere. Ma non è proprio questa la loro particolarità? Essere amati per ciò che sono e amarvi per ciò che siete?

Cane

Cane

… e impegnativo

C’è chi sceglie i regali più scontati: siamo al sud, come può una nonna non regalare dei calzini? I nipoti si aspettano i calzini o una maglia della salute o, nel migliore dei casi, un pigiama. C’è chi invece si appresta a fare qualcosa di più impegnativo. Si va da un videogioco per gli appassionati ad un buono per un viaggio per i più avventurosi. Ma ciò che vi saprà regalare un cane o un gatto è qualcosa di unico e che non finirà, presto o tardi, nel dimenticatoio. Spesso, infatti, si decide di regalare ai propri pargoli un cucciolo o di prenderlo per un fidanzato o una fidanzata. Per quanto però questo pensiero sia così puro e innocente, nasconde sicuramente un grande impegno. Per chi, come me, ha un cane, ben capisce che l’amore nei suoi confronti deve essere compensato da un impegno di egual misura. Certo, l’impegno di portarlo a spasso o giocarci diventerà man mano un piacere ma non sempre ciò viene compreso. Prima di regalare un cane o un gatto, bisognerà pensarci bene. Tanti saranno i veterinari che sapranno darvi qualche consiglio. Per aiutarci a capirlo meglio, intanto, abbiamo chiesto qualche consiglio a Miriam Cafarelli, volontaria del canile di Salerno e della Lega del Cane di Salerno.

Siamo nel periodo natalizio, molte persone vengono a chiedere per adottare un cane?

“In questo periodo ci sono un po’ più adozioni del solito principalmente perché le persone stando a casa hanno più tempo per seguire l’animale nei primi giorni successivi all’adozione che sono quelli più complicati.”

Qual è la cosa più difficile quando si adotta un cane?

“La cosa più difficile non saprei, ma è importante che chi adotta sappia che si sta assumendo la responsabilità di un’altra vita e non di un oggetto e può sembrare scontato, ma non lo è. Chi adotta deve essere consapevole che con estrema probabilità ci saranno dei problemi successivi all’adozione perché gli animali hanno bisogno di un periodo di adattamento nelle nuove famiglie. Bisogna avere coscienza che il cane sporcherà in casa probabilmente, che probabilmente sarà spaesato, che probabilmente romperà qualcosa, che potranno insorgere problemi di salute, eccetera. Purtroppo capita che ci restituiscano l’animale alla prima difficoltà ed è demoralizzante per noi, ma soprattutto dannoso per il cane che si trova sballottato avanti ed indietro senza capirne il motivo. Molti si aspettano che il cane li riempia di affetto appena arrivato a casa. Bisogna capire che non tutti comprendono immediatamente che quella sarà la loro nuova casa e bisogna concedergli il tempo sufficiente per far sentire l’animale a proprio agio.”

Cane - canile

Cani

Che consiglio daresti a chi lo sta prendendo come un “regalo”?

“Noi siamo contrari al concetto di “regalo”. O meglio, siamo contrari al concetto di “regalo a sorpresa”. Non si può regalare a sorpresa un cane perché chi lo adotterà deve essere pienamente cosciente della responsabilità che si sta assumendo. Molti ci chiedono di dare loro un cane per fare la sorpresa alla mamma/fidanzata/sorella, eccetera, motivando con “ha sempre detto di volerne uno.” Ma c’è una grande differenza tra dire e fare, quindi se davvero c’è volontà di adottare, chi vuole adottare deve recarsi personalmente da noi. Faremo una chiacchierata, ci conosceremo, spiegheremo il carattere del cane, l’impegno necessario e risponderemo a qualsiasi domanda ci verrà posta e se reputeremo la condizione idonea al cane, lo affideremo. Il Natale è un ottimo momento per dare casa ad un trovatello, non è necessario fare una “sorpresa”.

Canile Fuorni

Canile

Qual è invece la cosa più bella di essere volontaria al canile di Salerno?

“La cosa più bella almeno per me è occuparmi delle adozioni, che siano cani o gatti, è meraviglioso vedere le foto che ci mandano gli adottanti e confrontarle con le foto fatte in canile/associazione. Gli animali cambiano espressione una volta ambientatisi, sono sereni ed è evidente e vederli sereni è una grandissima gratificazione per noi. Senza contare che più animali vengono adottati, più c’è spazio per aiutarne altri.”

Come si può aiutare il canile se non si può adottare un amico peloso?

Il canile ha sempre bisogno di aiuto. È possibile donare coperte, scatolette per i cani anziani che non riescono più a mangiare crocchette. È possibile fare volontariato dentro e fuori la struttura. Senza contare che organizziamo tantissimi eventi esterni con banchetti. Una delle attività più belle a cui partecipare è sicuramente “adottami per un’ora”, consentiamo ai cittadini, col nostro supporto, di portare a passeggio per le strade della città i cani del canile per qualche ora, per potergli dare qualche ora di libertà e felicità e dargli “visibilità”, dato che spesso la passeggiata ha permesso ai nostri cani di incontrare le proprie future famiglie.”

Elena Morrone

Autore: Elena Morrone

Elena Morrone, nata nel 1995 a Salerno, ha frequentato il Liceo Classico di Salerno Torquato Tasso, dove ha diretto il giornalino scolastico Kaos. Dopo essersi diplomata si è iscritta all’Università di Salerno alla facoltà di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali. Ora sta proseguendo gli studi presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, con il corso magistrale in Comunicazione Pubblica e d’Impresa. Ha collaborato con numerosi giornali online, occupandosi di vari settori, dal cinema alla politica.
Il suo hobby preferito, vedere film e serie tv, si è trasposto anche nella partecipazione per sette anni consecutivi al Giffoni Film Festival come giurata e, nel 2018, ha partecipato alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia.
Si interessa molto di cultura orientale, praticando anche yoga e leggendo libri a riguardo.

Cani e gatti: i nostri migliori amici! ultima modifica: 2019-01-04T09:58:55+01:00 da Elena Morrone

Commenti

To Top