Eventi

Marina Rei e Paolo Benvegnù a Salerno

Marina Rei e la sua band

Che Salerno sia la culla della cultura lo dimostra il continuo fermento di iniziative che arricchiscono il panorama delle espressioni artistiche della cittadina campana.
Dalle proposte più luminose, come Luci d’Artista, a quelle forse meno conosciute, come il festival Linea d’Ombra, da quelle più innovative a quelle di lunga tradizione, tutte hanno il merito di portare sul territorio le eccellenze. Tra pochi giorni Marina Rei e Paolo Benvegnù.

Salerno, dama vestita di cultura

Diciamo la verità: spesso Luci d’Artista fa ombra a iniziative altrettanto interessanti e di grande spessore. Salerno e Provincia è da sempre un paniere colmo di bellezza. Cultura non solo istituzionale, come ad esempio i Templi a Paestum, i musei nel capoluogo di Provincia. Cultura come fenomeni pop, che provengono dal nostro territorio (Rocco Hunt e  Neffa), ma anche come eventi di aggregazione: a Salerno è celeberrimo il ciclo di incontri teatrali dalla Bottega San Lazzaro, di fama mondiale è il Giffoni Film Festival e dal Cilento scorrono a fiotti sagre enogastronomiche di grande importanza (ho adorato la Festa del Pane che si tiene annualmente a Trentinara) e incontri internazionali come la Borsa Mediterranea del Turismo e il Premio Charlot. Per non parlare poi del Meeting del Mare di Marina di Camerota che ogni anno attrae grandi flussi di turisti da ogni dove.

Gli incontri al Modo

Una delle “arene musicali” nel salernitano è il club Modo che offre un vasto ventaglio di concerti. Su questo palcoscenico si alternano artisti del calibro di Maldestro – celebre per la sua partecipazione a Sanremo con Canzone per Federica -, Jerry Calà, Cristiano Malgioglio. Personaggi che sono tra i più noti del grande pubblico, se non i più amati del panorama italiano e a cui si aggiungeranno Marina Rei e Paolo Benvegnù con la tappa salernitana del loro tour.

Stasera. A Bordighera…vi aspettiamo

Publiée par Paolo Benvegnù sur Samedi 4 août 2018

Canzoni contro la disattenzione in box

Un nuovo tour che del ritorno ha solo il retrogusto: “Canzoni contro la disattenzione in box” è un progetto che prende spunto dalla tournée che ha visto Paolo Benvegnù e Marina Rei insieme nella scorsa estate.
Un vero e proprio “patchwork di tempo” con contaminazioni del passato con il futuro e il presente. Una raccolta di canzoni trovate nelle pieghe del tempo e che gli artisti hanno reso un’emozionante avventura in duo.

Un po’ un tornare a casa…

Per Marina non è la prima esibizione nella nostra terra; per lei, poi, ogni volta tornare a Salerno è un po’ un tornare a casa. Come lei stessa ha avuto modo di raccontare, ha origini campane: è per metà salernitana e per metà napoletana. Proprio questo legame la fa sentire conterranea al pubblico nostrano: ha dichiarato in un’intervista che in ogni suo concerto a Salerno ha sentito uno straordinario feeling con la nostra città. Proprio questo suo senso di calorosa appartenenza lascia presagire che quello del prossimo aprile sarà un evento di intensa carica emotiva.

Le tappe del tour di Marina Rei e Paolo Benvegnù

Di seguito il calendario completo:

8 marzo – Messina – Retronouveau

9 marzo – Catania – MA

27 marzo – Perugia – Bad King

28 marzo – Asti – Diavolo Rosso

29 marzo – Rivoli – Circolo della Musica

5 aprile – Modo – Salerno

16 aprile – Circolo Magnolia – Segrate 

17 aprile – Bravo Caffè – Bologna

La locandina del tour con Marina Rei

Esposizione della memoria, disobbedienza verso la disattenzione e gioiosa appartenenza

Lungi dall’essere una macedonia dei frutti delle loro carriere, questo spettacolo è un gioco di parti, un vero e proprio dialogo tra Paolo e Marina. Un gioco che si fa esperienza nuova nello sperimentarsi: i due si annodano e slanciano in una polarità di suoni e pezzi.
Si apre così lo stupore del pubblico nello scoprire brani inediti adagiati tra riletture dei classici della canzone italiana e qualche citazione dei rispettivi repertori. Momenti significativi della professione dei due artisti diventano l’arazzo di una memoria che fa della disobbedienza verso la disattenzione e della gioiosa appartenenza un grazioso panneggio di emozioni.

Il frutto di ‘Fiori infranti’

Prima di questo tour, la collaborazione tra Marina Rei e Paolo Benvegnù aveva nel 2012 dato grandi risultati con la stesura a quattro mani del brano “Nei fiori infranti“, contenuto nel disco “La Conseguenza Naturale dell’Errore della cantautrice, percussionista e batterista romana.
Un primo incontro, però, tra i due mondi artistici c’era stato già nel 2009 con l’album di inediti di Marina intitolato Musa. Uno sfiorarsi, come eclissi che impreziosisce la stella e il satellite che si dispongono nella danza di luci e ombre, fiorito nella cover del brano di Benvegnù Il mare verticaleUn’esecuzione tanto sentita che sembra quasi presagire quello che sarà il taglio confidenziale di questa tournée.

Jeremiah De Saint-Amour

Autore: Jeremiah De Saint-Amour

Con studi in materie giuridiche alle spalle, la mia passione è la comunicazione. Ma il giornalismo rimane, per ora, nient’altro che questo.
Amo le collaborazioni e le contaminazioni tra generi differenti di scrittura, di mezzi di comunicazione, di idee. Se hai qualche proposta, contattami pure!

«Jeremiah de Saint-Amour amava la vita con una passione senza senso, amava il mare e l’amore, amava il suo cane e lei, e a mano a mano che il giorno si era avvicinato aveva ceduto alla disperazione, come se la sua morte non fosse stata una decisione sua ma un destino inesorabile.
(…) Era inevitabile: l’odore delle mandorle amare gli ricordava sempre il destino degli amori contrastati».

Marina Rei e Paolo Benvegnù a Salerno ultima modifica: 2019-04-04T09:00:11+02:00 da Jeremiah De Saint-Amour

Commenti

To Top